Published On: Maggio 6, 2022784 words3,9 min read

Buongiorno a tutti!

Chi ha letto il primo articolo della nostra sezione “Tutorial” sa che quest’anno ho deciso di iniziare un Journal dei Ricordi, in cui inserire le immagini, i momenti e le emozioni più importanti del mio 2022.

Ho preso quello che era in origine nato come Art Journal e ne ho sostanzialmente cambiato la destinazione, non utilizzandolo come un classico Art Journal ma più come una sorta di “diario” o “quaderno” in cui inserire delle foto ricordo.

In passato ho utilizzato un TN (Traveller’s Notebook) a questo scopo che, devo dire, mi è piaciuto molto. È un formato che mi si addice. Ma quest’anno volevo provare un formato diverso.

Il Journal che ho usato è l’ultimo di Art by Marlene. Viene venduto con gli inserti di carta bianca da mixed media da 300 gsm e la dimensione delle pagine è 12,5 x 18 cm.

Si tratta di un Journal ad anelli, la cui cosa più interessante e pratica è che puoi spostare le pagine a tuo piacimento; quindi, non è sempre necessario seguire l’ordine cronologico. Ed è proprio quello che ho fatto ieri, quando ho deciso di creare un layout in cui la protagonista è una foto antecedente a quella che avevo preparato in precedenza. E non ho fatto altro che aprire gli anelli, prendere una pagina e porla prima della pagina già decorata.

Se utilizzate delle patterned come ho fatto io, vi consiglio di lavorarle prima di incollarle sulla pagina del journal. Io le ho incollate subito, ma la prossima volta le incollerò alla fine, perché in questo modo – soprattutto se si usano media che possono “bagnare” la carta – non si rischia di rovinare il lavoro fatto sul retro.

Per questo layout ho utilizzato degli avanzi di un pad di carte che adoro, Artefacto di Paperinky.

La foto ci ritrae a Udine in occasione del nostro primo Meeting ASI come Shop, a poche settimane dall’apertura. E in quell’occasione ero anche la teacher e la collezione di carte che avevo utilizzato per il mio progetto era proprio Artefacto!

La Socia mi redarguisce perché tengo sempre tutti gli avanzi, ma io sono solo previdente! Soprattutto se si tratta di un pad che ho particolarmente amato o a cui sono particolarmente legata. Col senno del poi, ho fatto bene, Socia?

In questo video vi mostro come ho realizzato la mia doppia pagina di Journal dei ricordi:

Innanzitutto, ho tagliato le patterned a misura, ho usato l’occhiellatrice per bucare la patterned in concomitanza dei buchi della pagina del Journal e ho rifilato l’eccesso con il taglierino.

Ho preso un altro pezzetto di patterned e ho “distressato” i bordi con il Paper Distresser di Tim Holtz e l’ho quindi incollato sulla pagina in basso a destra. Ho evitato di mettere la colla sui bordi perché ancora non sapevo se avrei voluto infilarci qualche decorazione.

Ho tagliato un pezzetto di vellum leggermente più piccolo rispetto alla patterned e l’ho incollato sopra alla stessa, creando un effetto vedo-non-vedo. Ho messo la colla solo in centro (la colla si vede attraverso il vellum!). Poi ho mattato la foto con un cartoncino nero e l’ho incollata sul vellum mettendo un filo di colla solo sui bordi inferiore, superiore e destro, lasciando quindi un’apertura a sinistra.

Ho usato il Punch (ovvero una fustellatrice manuale) per realizzare due tab con una patterned a contrasto. Ho incollato uno dei due ad un avanzo di Bazzill bianco in cui ho scritto qualche pensiero con un fineliner Micron. Poi ho infilato il piccolo inserto nell’apertura sotto la foto che avevo lasciato in precedenza.

Nella pagina di sinistra ho usato il Distress Oxide Peacock Feathers per creare una sorta di “colata” di colore, poi ho preso un pezzetto di vellum, due pezzetti di patterned e l’altro tab che avevo realizzato con il punch, li ho leggermente sovrapposti e incollati in alto a sinistra.

Ho poi ritagliato un paio di frasette, sempre avanzate dal pad Artefacto di Paperinky, una delle quali molto poco politically correct (!) e le ho incollate sulla composizione della pagina di sinistra (creando un leggero spessore con del biadesivo spessorato) e sulla foto.

Ah, dimenticavo, ho aggiunto anche le mie amate Nuvo Drops e qualche gocciolina di Uniposca giallo!

E se vi proponessi di continuare questo “percorso” insieme a me? Di realizzare insieme a me dei layout da inserire in un journal che potete anche decidere di fabbricare con le vostre manine creative? Cosa ne pensate?

Vi saluto e vi auguro tanta serenità creativa!

Alla prossima

Michela

PRODOTTI UTILIZZATI:

Leave your comment

Related posts